Come scrivere post per blog


Sicuramente già sapete quanto possa essere fondamentale per il successo del vostro marketing fare blogging. Senza di esso avrete una marcia in meno nella vostra attività e quindi i vostri concorrenti avranno più possibilità di successi di voi. C'è altro da dire?

Allora perché si cerca sempre di aggirare l'ostacolo ricorrendo ad altri sistemi per essere ai primi posti nei motori di ricerca quando potrebbe essere sufficiente scrivere "bene" un blog? Forse perché, a meno che non sei una delle poche persone che in realtà ama scrivere, gli imprenditori hanno ben altro a cui pensare che scrivere un blog per vendere e guadagnare.

Ma se invece vuoi capire come scrivere un post per il tuo blog continua a leggere, ti fornirò 5 suggerimenti per costruire gli articoli per il blog.

Primo suggerimento: cerca di capire il tuo pubblico

Prima di iniziare a scrivere, bisogna avere una chiara idea del vostro target di utenza. Che cosa vogliono sapere? Che cosa li incuriosirà?

Secondo suggerimento: Iniziare con un argomento e titolo provvisorio.

Prima ancora di scrivere qualsiasi cosa, è necessario scegliere un argomento per il tuo post sul blog. L'argomento può essere abbastanza generale per iniziare. Per esempio, se sei un idraulico, si potrebbe iniziare a pensare di voler scrivere di rubinetti che perdono. Allora si potrebbe provare con un paio di diversi titoli di lavoro - in altre parole, iterazioni o diversi modi di affrontare tale argomento per aiutare a focalizzare la vostra scrittura. Ad esempio, si potrebbe decidere di limitare la discussione su "Strumenti per la riparazione rubinetti" o "Problemi dei rubinetti". Un titolo di lavoro è specifico e guiderà il tuo post in modo da poter iniziare a scrivere.

Terzo suggerimento: Scrivere un intro (e renderlo accattivante).

In primo luogo, catturare l'attenzione del lettore. Se si perde il lettore nei primi paragrafi - o anche frasi - dell'introduzione, eglii smette di leggere, anche prima di aver capito che il tuo post è quello che stava cercando.

È possibile farlo in diversi modi: raccontare una storia o una battuta, essere empatici, o afferrare il lettore con fatti o statistiche interessanti. Poi descrivere lo scopo del post e spiegare come intende affrontare un problema che il lettore potrebbe avere. Questo darà al lettore un motivo per continuare a leggere e dare loro aiuto a migliorare il loro lavoro / vita.

Passo 4: organizzare i contenuti

A volte, i post del blog possono avere una straordinaria quantità di informazioni - per il lettore e lo scrittore. Il trucco è quello di organizzare le informazioni in modo lettori non siano intimiditi dalla lunghezza o la quantità di contenuti. L'organizzazione può assumere molteplici forme - sezioni, liste, consigli, tutto quello che è più appropriato. Ma deve essere organizzato!

Fase 5: Scrivi!

Il prossimo passo - ma non l'ultimo - è quello su cui tutto si basa, scrivere il contenuto di un post.

Ora che avete il vostro contorno / modello, si è pronti a riempire gli spazi vuoti. Usa le tue conoscenze come una guida e siate sicuri di coprire tutti i punti in base alle esigenze. Scrivere su ciò che si conosce già, e, se necessario, fare ulteriori ricerche per raccogliere maggiori informazioni, esempi e dati per il backup dei punti, fornendo una corretta attribuzione che incorporano sorgenti esterne.

Passo 6: Modifica / rileggere il tuo post, e correggere la formattazione.

Il processo di editing è una parte importante di blogging - non bisognerebbe trascurarlo, anche se a volte potrebbe essere anche importante pubblicare rapidamente.

Passo 7: Inserire un invito all'azione-(CTA) alla fine.

Alla fine di ogni post del blog, si dovrebbe avere un CTA che indica ciò che si desidera che il lettore facesse dopo - iscriversi al tuo blog, scaricare un ebook, iscriversi a un webinar o di un evento, di leggere un articolo correlato, ecc Tipicamente, si pensa al CTA come un beneficio solo per il marketing. Ma il CTA è anche una preziosa risorsa per la persona che legge il tuo blog, ad esempio  offrendo contenuti simili al tema del post che hanno appena finito di leggere.

Fase 8: ottimizzare per SEO on-page.

Dopo aver finito di scrivere, tornate indietro e ottimizzate il post. Non fatevi ossessionare da quante parole chiave includere. Se ci sono opportunità di incorporare le parole chiave che stai targetizzando, e non avrà un impatto per l'esperienza del lettore, fallo. Ma non esagerare con parole chiave o ipotizzare densità di parole chiave, Google è più intelligente adesso! Ecco un piccolo promemoria di ciò che si può e dovrebbe cercare:

  • Title, il titolo espresso in maniera molto riassuntiva e che verrà meglio espresso nella "meta description", generalmente non più lungo di 60-70 caratteri, deve contenere le parole chiave ed essere leggibile per l'utente. Siate chiari nello scrivere il titolo del post, ma anche possibilmente incuriosite l'utente.
  • Meta Description, le meta descrizioni sono le descrizioni che accompagnano il titolo della pagina del post su pagine dei risultati di ricerca di Google. Esse forniscono ai ricercatori un breve riassunto del post prima di fare clic in esso. Sono idealmente tra 150-160 caratteri.

Bene, a questo punto si ha un'infarinatura generale su come scrivere post per blog, in un prossimo post proveremo ad ottimizzare il contenuto e migliorarne l'indicizzazione nei motori di ricerca

Se ti sono stato di aiuto o ti è piaciuto l'articolo puoi aiutarmi condividendolo...grazie!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *